Blocco dopo blocco

Lia Negri
Lia Negri

Blocco dopo blocco

Mogang avvia un nuovo progetto umanitario. Il team che ha creato Minecraft non è la prima volta e ha già aiutato la Svezia. In effetti, in combinazione con un massiccio piano di restauro, Minecraft ha permesso alle persone locali di partecipare alla modellazione, alla modifica e alla decorazione del loro ambiente futuro. Molti proprietari e imprese di costruzioni hanno subito preso le loro idee.
Così notato dall’agenzia Habitat, di proprietà delle Nazioni Unite e responsabile degli insediamenti umani, il team di Mogang è stato formato in un nuovissimo programma rivolto al Kenya: Blocco dopo blocco.

Lo scopo di questo progetto è coinvolgere i giovani nella costruzione di città sostenibili, utilizzando uno strumento semplice che non necessita di un particolare concept architettonico: Minecraft. È stata sviluppata una partnership di 3 anni e 300 spazi pubblici dovrebbero essere stabiliti entro il 2016. Il progetto pilota sarà situato a Kibera, uno dei più grandi slum africani, situato a sud di Nairobi, la capitale e la più grande città del Kenya.

Il cantiere e la sua riproduzione a Minecraft dal team di FyreUK.

Mojang contribuirà anche finanziariamente a questo progetto e intende raggiungere l’obiettivo prefissato, in collaborazione con UN Habitat. Lydia attualmente al Forum Mondiale di Napoli per annunciare il programma Block after Block.

La comunità di Minecraft parteciperà sicuramente con una varietà di mezzi. Un sito web è in corso e sarà presto disponibile, per seguire le novità di questo promettente progetto.

Riconoscere per dare questo post!
Totale: 0 Media: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *